Tag: arctic monkeys

Why’d You Only Call Me When You’re High? La cover dei QOTSA

I Queens of the Stone Age, ospiti dell’edizione odierna di BBC1 Radio Live Lounge, hanno eseguito a sorpresa una cover di Why’d You Only Call Me When You’re High?, ultimo singolo degli Arctic Monkeys. Questo “tributo” dimostra ancora una volta la stima e l’amicizia del frontman della band californiana Josh Homme (che è stato anche produttore di Humbug e ha dato il suo contributo all’ultimo AM) per i quattro di Sheffield.
Questo il video dell’esecuzione:

Arctic Monkeys su Radio 2, l’intervista è “in differita” di due mesi. Domani venerdì 6 settembre

L’intervista “esclusiva” agli Arctic Monkeys che andrà in onda domani su RAI Radio 2 secondo le nostri fonti è stata registrata in Luglio. Invitiamo il programma MobyDick a puntualizzare questo fatto non trascurabile, onde evitare di alimentare false aspettative in appassionati e ascoltatori. Alex Turner non sbarcherà a Roma nuovamente, quindi non inviateci altre 30 mail chiedendo dove alloggeranno gli Arctic Monkeys o dove si trova Via Asiago. (altro…)

Arctic Monkeys su Rolling Stone Italia, l’intervista è ESILARANTE! Da non perdere!

Vogliamo segnalare un’intervista-articolo agli Arctic Monkeys davvero esilarante, uscita su Rolling Stone di Settembre a pagina 74, che riassume tutti i cliché del modo di lavorare della “stampa musicale italiana”: pressapochismo, ignoranza di chi si ha di fronte (le Scimmie non sono gli U2, ma nemmeno le M2M), in più mettiamoci l’afa estiva di Roma che “dà alla capoccia”, magari anche un bicchiere di vino con un panino, ed il gioco è fatto. Tuttavia riteniamo opportuno sottolineare che trattasi di un pezzo davvero “libero”. È libero dai canoni del giornalismo musicale italiano, che impone promozione a tutti i costi. In fin dei conti “lo apprezziamo”, poiché in Italia se vuoi fare giornalismo musicale devi per forza di cose entrare nel circuito dei do ut des, che ha svilito la professione giornalistica e ridotto il mestiere a mero passacarte di cs (comunicati per la stampa) prodotti dalle agenzie che spingono le band.

Basta chiacchiere e mettetevi gli occhiali. S’inizia col “trailer”. Francesco Pacifico (che ha tanto di pagina su Wikipedia dedicata, beato lui) per Rolling Stone Italia, pubblicato su cartaceo. E’ in edicola e se volete appendere questo capolavoro in cameretta affrettatevi a reperire il celebre magazine. Facciamo la dovuta pubblicità a questi esempi di giornalismo musicale stakanovista e introspettivo.

(altro…)